Le mostre 2016

Racconti di immagini e oggetti per colorare gli occhi e arricchire la mente

Anche le immagini sono protagoniste di Kuminda!

Ci sono due percorsi fotografici uniti a momenti di sensibilizzazione sul Diritto al Cibo e sulla Sovranità Alimentare.

SIMBOLI DALLA CULLA DELLA TERRA MADRE  e  SEVEN DAYS OF GARBAGE

 

Simboli dalla Culla della Terra Madre

Raccolta di foto di cucchiai africani a cura di associazione Mani e cooperativa sociale Nativa

 

ESPOSIZIONE IN BIBLIOTECA DI SORBOLO – Via Gruppini 4

FINO AL 16-10-2016

Lunedì – Martedì – Giovedì: 15.00 – 18.30

Mercoledì – Venerdì – Sabato: 9.00 – 12.30

INGRESSO GRATUITO

 

Seven days of garbage – Gregg Segal

E’ una mostra fotografica che si accompagna con laboratori creativi e didattici per scuole di ogni ordine e grado e che ha l’obiettivo di avviare una riflessione sul tema degli sprechi e dei rifiuti.
La mostra si rivolge a famiglie, cittadini, studenti dalle scuole secondarie di primo e secondo grado: si compone di 18 pannelli fotografici misura (A0) da appendere a parete oppure da gestire su cavalletti in uno spazio minimo di 15 mq.
L’autore: Gregg Segal, fotografo californiano, ha chiesto a varie persone, singoli, famiglie, amici e sconosciuti di raccogliere tutta la spazzatura che producono in una settimana e di posare con i rifiuti per un progetto fotografico. Sono scatti che rendono evidente la quantità materiale di rifiuti che produciamo e innescano riflessioni che speriamo porti ad una maggiore attenzione e affezione nei confronti del pianeta che ci accoglie.

La mostra può essere uno stimolo per diverse riflessioni ed attività, compresi percorsi didattici su tematiche come: gli stili di vita, gli sprechi alimentari, la gestione dei rifiuti. Ogni attività deve essere sviluppata in relazione al contesto nel quale si opera ed età delle utenze e può prevedere lo sviluppo di attività  differenti. In sintesi, alcune proposte combinabili tra loro:
1. selfie-trash: la mostra si compone di fotografie di persone nella loro spazzatura settimanale. L’idea è di ricostruire questo set con i ragazzi, invitandoli a portare l’imballo di alcuni rifiuti che essi producono al fine di ricostruire il proprio “7 days of garbage”. L’installazione che si creerà oltre ad una valenza comunicativa ed artistica può essere associata ad attività di contestualizzazione locale sui temi sopracitati.
2. Incontro con esperti del settore: in relazione al contesto è possibile chiamare relatori per parlare di stili di consumo, sprechi alimentari, sostenibilità.
3. Laboratori di riciclo creativo: partendo da una frazione merceologica è possibile lavorare con fantasia e manualità sul tema Nutrire il Pianeta.
4. spreco e alimentazione: attraverso alcune eloquenti immagini è possibile riflettere sul concetto di spreco alimentare e quanto tale tematica sia attuale e poco conosciuta

Riferimenti e modalità di gestione
L’iniziativa è gratuita per scuole, enti locali ed associazioni. Gli enti coinvolti forniscono tutto il supporto tecnicamente possibile per la buona riuscita del percorso scelto. Gli enti interessati possono richiedere la mostra contattando gboselli@arpae.it  e info@kuminda.org, previa sottoscrizione di una presa di responsabilità del materiale fotografico che viene dato in consegna, con l’impegno di coprire eventuali spese per danni o smarrimenti.

La proposta è a cura di Ass. Cibopertutti – Kuminda in collaborazione con Arpae SAC e Forum Solidarietà – Centro Servizi per il Volontariato di Parma e provincia.